ALIMENTAZIONE E CANCRO


Diversi studi hanno dimostrato il ruolo fondamentale della corretta alimentazione nella prevenzione del cancro. La percentuale stimata di prevenzione varia dal 10 al 75%, ed è maggiormente evidente in alcuni tipi di cancro:
-          tumore al seno: 33-50%
-          tumori dell’apparato digerente ( bocca-faringe 33-50% / esofago 50-70% / stomaco e colon-retto 66-75%)
 
Il ruolo preventivo che l’alimentazione esercita è soprattutto svolto da frutta e verdura che, con il loro apporto di antiossidanti e fibra, sembrano giocare il ruolo principale.
Il rischio di ammalarsi infatti sembra ridursi mangiando regolarmente 4-5 porzioni di frutta e verdura al giorno, come ci consiglia l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ed aumentando il consumo di cereali integrali.
La fibra ha un ruolo preventivo soprattutto nei confronti del cancro al colon-retto, perché aumenta la velocità di transito intestinale e riduce, di conseguenza, il tempo di contatto di sostanze potenzialmente tossiche con la mucosa intestinale e riduce la loro concentrazione.
Gli antiossidanti, invece, sono tutte quelle sostanze che proteggono il nostro DNA e le nostre strutture cellulari dai danni dei radicali liberi ( agenti ossidanti che normalmente si generano nei diversi processi metabolici).
Fondamentali antiossidanti sono: vitamina C ( contenuta negli agrumi, nel kiwi, nelle fregole ma anche nel ribes e nei peperoni), la vitamina E ( olio extravergine di oliva, olio di arachidi e di girasole, ma anche frutta secca come noci, mandorle e nocciole), i carotenoidi, ( precursori della vitamina A) che sono pigmenti organici il cui colore varia dal giallo, all’arancione al rosso; tra i principali carotenoidi ricordiamo il Licopene, contenuto nel pomodoro, soprattutto se maturo, e nel pompelmo rosa, e il carotene, contenuto nelle carote, nella zucca, nelle pesche, nel lampone, nei peperoni e negli agrumi).
Nota è anche l’azione antiossidante dei Polifenoli, tra cui le Catechine ( thè verde), i Flavonoidi ( che comprendono anche gli Isoflavoni della soia e le Antocianidine, presenti nei frutti rossi, viola e blu come mirtilli, fragole, lamponi, uva) e il Resveratrolo ( contenuto prevalentemente nella buccia dell’uva nera).
Dobbiamo però ricordarci di non far mancare sulla nostra tavola gli ortaggi appartenenti alla famiglia delle crucifere e quindi broccoli, cavoli, cavolini di Bruxelles, verza, rape, cavolfiore che, grazie alle preziose sostanze che contengono, svolgono un’importante azione anticancro.
 
E’ stata anche studiata la relazione tra cancro e grassi. Quello che è emerso è che l’eccessivo apporto di acidi grassi saturi ( carni, derivati e latticini) potrebbe far aumentare l’incidenza di cancro al seno, mentre gli acidi grassi monoinsaturi, soprattutto gli acidi grassi omega 3, grazie alla loro attività antinfiammatoria, sembrano ridurre l’incidenza di tumore alla mammella e al colon.
 
Dimostrato invece il ruolo potenzialmente cancerogeno del consumo frequente di carni conservate per la presenza di conservanti come nitrati e nitriti.
 
Ricordiamoci infine che nel determinare e/o preservare l’effetto anti cancro degli alimenti, un ruolo centrale lo riveste la cottura. Possono infatti formarsi sostanze nocive per effetto del calore.
La frittura, per esempio, raggiungendo alte temperature genera acroleina, sostanza cancerogena. La cottura delle carni alla griglia, genera ammine eterocicliche cancerogene.
Il calore inoltre può generare la distruzione di alcuni principi nutritivi, come le vitamine termolabili o la dispersione di alcuni sali minerali.
Si consiglia quindi di grigliare le carni solo brevemente, utilizzare per le fritture oli con un alto punto di fumo (olio di oliva e olio di arachidi), preferire la cottura a vapore delle verdure o la bollitura in poca acqua, cercando di riutilizzare l’acqua per brodi o altre preparazioni.
 
In conclusione, ricordiamoci che per la prevenzione del cancro resta comunque indispensabile seguire un’alimentazione varia, sana ed equilibrata, avere uno stile di vita attivo ( fare regolarmente attività fisica) ed essere consapevoli che non esiste un solo alimento dalle proprietà miracolose, ma occorre seguire alcune regole:
  1. consumare frutta e verdura, preferibilmente di stagione, variando i colori;
  2. rispettare la frequenza del consumo degli alimenti ( piramide alimentare)
  3. rispettare le porzioni giuste e corrette, in base al sesso, al peso e all’età: l’eccesso di peso è tra i fattori di rischio di sviluppo del cancro.







Back
Centro Dietetico Umbro - Via M. Magnini, 18 - Perugia ::: tel. 075-5010613 fax. 075-9660680 e-mail: centrodieteticoumbro@outlook.it ::: P.I. 00577520547
Powered by TeamDev on JoshuaCMS