Anoressia nervosa: cosa possono fare i genitori ?


Quando un figlo  si ammala di anoressia nervosa (o di un disturbo del comportamento
alimentare) è normale provare  tanta impotenza, rabbia e allarmismo per comportamenti
quali: rifiuto del cibo, assunzione di pochssimi alimenti e a volte grandi abbuffate seguite da vomito.
I comportamenti che di solito i genitori mettono in atto sono quelli di  costringere a mangiare, ricattare, non comprare certi cibi, togliere le chiavi del bagno, chiedere il
resoconto di quanto mangiato e interrogare sul vomito.
Tutti questi comportamenti non funzioneranno, aumenteranno i conflitti, acutizzerano
il disturbo.
Quando una persona, in famiglia, si ammala di un disturbo di un Disturbo Alimentare 
tutti i membri della famiglia soffrono.
Un disturbo alimentare è una malattia seria che richiede cure adeguate di esperti per 
eviatre l'effetto distruttivo sul corpo e sulla mente. per cure adeguate si intende: terapia 
medica, riabilitazione nutrizionale, terapia psicologica. Quando il figlio vive in famiglia 
la terapia familiare può essere  necessaria  in quanto la  famiglia può favorire il 
processo di guarigione della persona malata.

 







Back
Centro Dietetico Umbro - Via M. Magnini, 18 - Perugia ::: tel. 075-5010613 fax. 075-9660680 e-mail: centrodieteticoumbro@outlook.it ::: P.I. 00577520547
Powered by TeamDev on JoshuaCMS